Scopri chi è riuscito a risolvere
i suoi problemi di umidità
nella regione Piemonte

scegli immobile SCEGLI IL TIPO DI IMMOBILE
seleziona regione SELEZIONA LA REGIONE

SELEZIONE ATTUALE

Piemonte - Qualsiasi

SAN GIORGIO MONFERRATO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

SAN GIORGIO MONFERRATO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il nostro cliente possiede una grande casa a San Giorgio Monferrato, in provincia di Alessandria, che decide di ristrutturare da cima a fondo. Ristrutturare un immobile senza eliminare definitivamente la causa dell'umidità di risalita sarebbe come ristrutturare solo parzialmente un immobile, pertanto, dopo un accurato sopralluogo tecnico, si è potuto intervenire installando il dispositivo per eliminare l'umidità da risalita KontrolDRY...addio muffa e muri scrostati!

VEROLENGO (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

VEROLENGO (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

L'edificio sito in Verolengo (in provincia di Torino) soffriva di vari problemi alle murature: scrostamenti degli intonaci, muffe, presenza di salnitro e muri umidi. Dopo molti anni (e diversi interventi che non hanno risolto il problema) i tecnici della committenza che hanno diagnosticato l'umidità di risalita hanno contattato SKM per l'installazione del Sistema per il Controllo dell'umidità di risalita KontrolDRY che, a luglio 2020, ha avviato il processo di deumidificazione muraria che donerà muri asciutti e ambienti salubri all'immobile.

MASSIMO VISCONTI (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

MASSIMO VISCONTI (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

L'appartamento, facente parte di un fabbricato bifamiliare a schiera, risulta soggetto ad un marcato fenomeno di umidità ascendente, testimoniato dalla presenza sulle superfici interne delle strutture murarie, di macchie e chiazze di umidità, con locali zone ove l’intonaco presenta segni di rigonfiamento, distacco e fuoriuscita di sali igroscopici nella parte interna della struttura. Le ricognizioni e le indagini svolte hanno evidenziato come i suddetti fenomeni risultino sostanzialmente estesi all’intero piano, con altezze variabili dal pavimento. L’origine del fenomeno sopra descritto è verosimilmente da ricondursi alla natura dei terreni (depositi sciolti) su cui insistono le strutture murarie, in relazione all’età e alla tipologia costruttiva delle medesime: la presenza d’acqua nel sottosuolo, che in genere risulta associata a tali terreni, favorisce un richiamo e un ristagno d’acqua nella zona su cui insistono le fondazioni, da cui appunto si innesca la risalita capillare secondo un ciclo continuo e ininterrotto. Per affrontare e risolvere definitivamente la problematica è stata installata, in data 30/06/2020, la tecnologia KontrolDRY® della S.K.M. Srl.

ACQUI TERME (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ACQUI TERME (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

In provincia di Alessandria, nelle campagne di Acqui Terme, un fabbricato rurale soffriva di gravi problemi legati all'umidità di risalita. La zona è ricca di acqua come dimostra la presenza di antichi acquedotti romani e le vasche termali. La parte bassa degli intonaci scrostati e la presenza di sali era presente su circa tutti i muri. L'ambiente, estremamente umido, creava le condizioni per il proliferare di muffe e spore. A giugno 2020, dopo numerosi tentativi non andati a buon fine, è stata installata la tecnologia KontrolDRY per eliminare definitivamente l'umidità di risalita bloccando il ciclo di assobimento/risalita/evaporazione e dando il via al processo di deumidificazione delle murature.

CASTELCERIOLO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CASTELCERIOLO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Castelceriolo, frazione del comune di Alessandria, è situato ad est del territorio comunale sulla riva destra della Bormida. Il borgo sorge ad un'altitudine di 93 metri s.l.m. sul declino della Fraschetta verso il Po ad una distanza di circa 8 km dalla città di Alessandria. Una villa singola a pochi passi da borgo, a causa della vicinanza a le fonti d'acqua appena citate, ha sempre sofferto di gravi problemi legati all'umidità. Presenza di muri scrostati e umidi con fuoriuscita di sali, muffe rigonfiamenti degli intonaci era solo alcuni dei sintomi che presentava l'immobile. A giugno 2020 è stato installato il sistema per il controllo dell'umidità di risalita capillare KontrolDRY che blocca definitivamente il processo di risalita dell'umdità all'interno delle murature rendendo i muri asciutti e gli ambienti salubri.

MAGNANO (Biella)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

MAGNANO (Biella)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

In collina nella provincia di Biella (per l'esattezza nella frazione di San Sudario Valle nel comune di Magnano) sorge una caratteristica villa montana. Le caratteristiche del sottosuolo e della struttura hanno creato le condizioni, nel tempo, per la risalita dell'umidità all'interno delle murature. La proprietà lamentava problemi di umidità di risalita con intonaci scrostati e presenza di sali, nonchè ambiente umido e muffe. Ad inizio 2020 è stato effettuata un'indagine termografica che ha rilevato la forte presenza di umidità di risalita. Per risolvere definitivamente il problema senza interventi murari è stata installata la tecnologia KontrolDRY che elimina definitivamente l'umidità di risalita. L'immobile tornerà presto a godere di muri sani e asciutti e ambienti comfortevoli.

ARONA (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ARONA (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È un ricco e bel comune situato ai piedi del monte a tavola Roque del Conde, a circa 650 metri d'altitudine. Arona è anche la sede amministrativa di Los Cristianos e Playa de las Americas; per questo il suo nome è spesso indicato sui cartelli che si incontrano nelle località turistiche. La piazza antistante la chiesa di Arona è molto bella ed è il punto di ritrovo principale della località. La chiesa San Antonio Abad merita di essere visitata anche da chi non è credente: al suo interno, infatti, sono ospitati interessanti tesori artistici, quali la croce di San Antonio. Un'altra particolarità di Arona è l'albero Almácigo de Arona, un monumento naturale che si evidenzia per le sue straordinarie dimensioni e la sua grande bellezza. Arona non è una tipica città turistica, quanto piuttosto un caratteristico paese canario, e per questo è particolarmente apprezzata dai villeggianti che non vogliono risiedere direttamente a Los Cristianos o a Las Americas, ma che preferiscono avere la possibilità di raggiungere rapidamente in auto queste località. La costa e le sue numerose spiagge distano circa 15 km.

MEINA (Novara)  Civile abitazione VILLA

Città

MEINA (Novara)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Originariamente conosciuta col nome di Madina, Meina conserva nel suo territorio alcune interessanti chiese. La più importante è la Chiesa di Santa Margherita che ospita al suo interno alcuni interessanti affreschi. Nella frazione di Silvera, borgo a ca. 500 metri s.l.m., sulle pendici sovrastanti, troviamo la Chiesa di San Rocco, del XIX secolo, e in località Piantini la Chiesa della Madonna di Fatima. Presso Ghevio di Meina , anch'esso come Silvera sulle colline alle spalle di Meina, si può ammirare l'Oratorio di Sant'Anna, di origine medievale, e la Chiesa di Santa Maria Assunta. Ghevio ospita inoltre un interessante edificio, un tempo occupato dall'officina di un fabbro, in cui si possono ammirare alcuni antichi e interessanti congegni. Tutta la costa di Meina è un susseguirsi di ville e parchi: L'esempio più mirabile è sicuramente la neoclassica Villa Faraggiana, fatta edificare nel 1855 da Raffaele Faraggiana e immersa in un vastissimo parco di più di 70 ettari. Spettacolare è anche l'ampio parco, che arriva fin sulle sponde del lago, di Villa Cella.

TORINO  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il nome evoca immediatamente i fasti di Casa Savoia, l'Unità d'Italia, grandi chiese e palazzi barocchi, prestigiosi musei, l'industria dell'automobile, lo sport. Ma visitare Torino e il suo territorio vuol dire scoprire una magnifica corona di montagne con rinomate stazioni sciistiche, un'ampia porzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, laghi e colline, il Po (tutto da esplorare: in barca, ma anche in bicicletta lungo le sue sponde). La capitale delle Alpi è una città tutta da scoprire, con le sue strade, le sue piazze, i grandi viali alberati, il Palazzo Reale, il Castello del Valentino, il Museo Egizio e quello del Cinema, i suoi caffè storici, le pasticcerie ed i ristoranti che testimoniano la tradizione gastronomica piemontese. Senza dimenticare la vivacità culturale del capoluogo subalpino, che ne ha fatto una delle capitali europee del cinema e dell'arte contemporanea. I Comuni intorno a Torino sono centri ricchi di storia e testimonianze di un passato glorioso. La Corona delle Residenze Reali di Casa Savoia (Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi, dichiarate dall'Unesco “Patrimonio dell'Umanità”) sta tornando allo splendore dei tempi della Corte dei Re di Sardegna e sarà protagonista al centro delle celebrazioni e delle iniziative per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, proclamata a Torino nel 1861.

MAGLIANO ALFIERI (Cuneo)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

MAGLIANO ALFIERI (Cuneo)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Magliano Alfieri riassume in sé la storia del Roero: dall’antichità romana all’epoca feudale, con grandi famiglie a spartirsi il territorio. Qui è il “regno” degli Alfieri che, tra il 1660 e il 1680, fecero edificare il possente castello che domina il centro abitato, nelle cui stanze soggiornò il giovane Vittorio, destinato a diventare uno dei maggiori poeti tragici italiani. Il maniero, custode della Cappella gentilizia del Santo Crocefisso, dal 1986 è di proprietà comunale e ospita l’interessante “Museo d’Arti e Tradizioni Popolari”, con la caratteristica sezione dedicata ai solai di gesso, particolare tecnica costruttiva diffusa nelle case contadine di alcuni paesi del Roero, dell’Astigiano e dell’Ovadese. Su ogni borgo di Langhe e Roero veglia un antico castello: qui l’eredità dell’epoca feudale è lampante e regala allo sguardo visioni fiabesche. Abbarbicati sulle sommità delle colline, i manieri raccontano la storia di questa terra: lo fanno con i nomi delle famiglie cui sono legati, Falletti, Roero, Alfieri e attraverso le leggende che li vedono protagonisti, il Castello della Volta di Barolo e quello di Prunetto, avvolti in un’aura di mistero e di superstizioni.

FEISOGLIO (Cuneo)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

FEISOGLIO (Cuneo)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

In questo piccolo borgo situato a 700 metri altitudine, sulla dorsale destra del Belbo, la coltivazione della nocciola fu intrapresa già negli anni ‘30. Immerso nel verde dei noccioleti, Feisoglio dedica alla tonda gentile delle Langhe la manifestazione più importante dell'anno, che si tiene la seconda domenica di settembre. Dell'antico castello, fatto costruire dai Dei Carretto nel XII secolo, non rimangono che poche rovine. Le pietre recuperate dal castello servirono a costruire nuove abitazioni, a rimodellare in stile barocco la chiesa parrocchiale (che risale al 1423) e a innalzare il campanile che sorge tuttora al centro del paese. Una stradina campestre che si stacca dalla provinciale all'inizio di Feisoglio permette di visitare i dintorni e conduce alla cappella di S. Sebastiano (XV secolo). Tra le manifestazioni occorre segnalare ancora la festa patronale di S. Lorenzo, la seconda domenica di agosto. La sua fondazione ha origine romanica ed il nome presumibilmente deriva da Fagus Solium. Anticamente era sede di un agguerrito castello che nel 1600, sotto Madama Cristina di Savoia, venne distrutto.

FRONT (Torino)  Civile abitazione VILLETTA

Città

FRONT (Torino)

Immobile

Civile abitazione

VILLETTA

Comune di collina, di origine medievale; basa la sua economia sulle attività agricole e industriali. I frontesi, che hanno un indice di vecchiaia elevato, vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce nella località di Ceretti e Grange, nel nucleo urbano minore di Rivera, nonché in case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico ondulato, con variazioni altimetriche non molto accentuate. L’abitato, che sorge ai piedi di un modesto sperone collinare che fronteggia la pianura, ha conservato la sua impronta rurale, senza lasciarsi condizionare dal cambiamento dei tempi, come dimostra la mancanza di segni di espansione edilizia. Lo stemma comunale, inquartato, è stato concesso con Decreto del Presidente della Repubblica. Nella prima sezione, a sfondo azzurro, si rappresenta una torre d’oro a due palchi, merlata alla guelfa; il secondo campo, argentato, reca la scritta in lettere nere: CASTRUM FRONTIS; nel terzo e quarto riquadro campeggia una testa di bue: rossa su sfondo argentato e argentea in campo rosso. Sotto lo scudo, su lista rossa, bifida e svolazzante, spicca il motto: HUMANITAS VIRTUS FORTIUM.

BIELLA  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

BIELLA

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Città da esplorata senza fretta, camminando lungo le viuzze del borgo medioevale (Piazzo) o lungo le ripide “coste” che uniscono la città alta a quella bassa. Da non perdere il Duomo dedicato a S. Maria Maggiore, di impianto quattrocentesco con l’interno quasi completamente ricoperto di affreschi. In piazza del Duomo sorge un bel campanile romanico, unico residuo dell’antica chiesa di S. Stefano, precedente centro religioso della città ed il piccolo Battistero. Questo edificio quadrangolare, è stato edificato fra il IX e X secolo con materiali locali: ciottoli di fiume, pezzi di laterizio e pietre refrattarie disposti artisticamente a spina di pesce, inglobando, come decorazione, anche bei frammenti di epoca romana. Nel piccolo Battistero, le quattro absidi percorse da lesene, sostengono la massiccia cupola centrale e l’alto lanternino. Biella propone la tipica cucina tradizionale delle valli a base di polenta e formaggi: la "polenta cunscia" con burro e formaggio e la "ballot ed polenta" piccole crocchette di polenta con formaggio. Il formaggio tipico di Biella è il “sargnon” fatto con gorgonzola fermentato con grappa o rhum. La “Lepre in Civet” è un altro piatto tipico, che prevede di lasciare marinare la lepre per poi cuocerla con il liquido della marinata e spezie varie. La pasticceria locale offre i buonissimi “Canestrelli” coperto di zucchero a velo, il tutto accompagnato dai vini locali fra i quali brillano per eccellenza il Lessona e il Bramaterra.

GENOLA (Cuneo)  Civile abitazione VILLA

Città

GENOLA (Cuneo)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Il paese vanta molti edifici storici: la Villa dei conti Tapperelli, del 1759; l’attuale sede del Municipio, il Palazzo dei marchesi di San Vitale, risalente a metà ‘700 con elementi architettonici originali, come la facciata, il loggiato, alcune sale al piano nobiliare; alcune residenze nobiliari, tra cui Villa “Storta”, uno degli esempi più belli tra le residenze locali di campagna dell’Ottocento. Nel centro del paese si trova la Parrocchiale di San Michele Arcangelo, il cui nucleo originale è eretto nella prima metà del XV secolo. La chiesa vanta un affresco del 1480 raffigurante Santa Lucia e Santa Caterina d’Alessandria, alcune tele del Molineri e del Chiantore, oltre a tre statue lignee di Giovanni Battista Bernero. Molto importante è la Confraternita dell’Immacolata Concezione; in passato ospitava un affresco quattrocentesco raffigurante la Crocifissione, oggi custodito nel palazzo comunale. Genola è famosa anche per le Quaquare, dolce tipico prodotto nel mese di maggio in occasione della festa patronale dedicata a San Marziano. Ogni anno, per tre settimane, gli abitanti di Genola si recano al forno comune e producono più di 300 kg di quaquare al giorno.

CHIVASSO (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CHIVASSO (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Uno dei principali centri della Città metropolitana di Torino e città di riferimento del Chivassese. Città accogliente e dinamica, ricca di eventi e manifestazioni, completa di servizi e generosa nell'offerta culturale. Ha ospitato grandi pittori come Defendente Ferrari e Giovanni Martino Spanzotti nel Cinquecento, Demetrio Cosola nell’Ottocento, un importante stampatore Jacopo Suigo che in Chivasso ha pubblicato nel 1486 la Summa casuum conscientiae, ribattezzata Summa Angelica, del Beato Angelo Carletti che nato a Chivasso nel 1410 è stato un importante religioso, letterato e umanista italiano. Nel centro storico, caratterizzato dei portici medievali, spiccano il Duomo di Santa Maria Assunta (1400) con la sua preziosa facciata in cotto di stile tardogotico e la Torre ottagonale, residuo del poderoso castello eretto nel XII sec. dai Marchesi del Monferrato. Unitamente alla competenza e cortesia degli artigiani e dei commercianti, degni di attenzione sono le tante delizie della cucina tipica della tradizione canavesana, e i famosi e buonissimi "Nocciolini", minuscoli dolcetti fatti con nocciole Piemonte, zucchero ed albume d'uovo. La città ospita il mercoledì un mercato settimanale che è il quinto in Piemonte per numero di bancarelle con un importante settore destinato ai produttori ortofrutticoli che si effettua anche il sabato.

CHIAVERANO (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CHIAVERANO (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Comune di collina, di origine medievale, basa la sua economia sulle tradizionali attività agricole e su quelle industriali. I chiaveranesi, con un indice di vecchiaia molto elevato, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione è distribuita nelle località Bienca-Tomalino e Prafraglio, in numerosi nuclei urbani minori nonché in case sparse. Il territorio, comprensivo delle aree speciali lago Sirio (in parte diviso con il comune di Ivrea) e lago di Campagna (in parte diviso con il comune di Cascinetta d’Ivrea), presenta un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche molto accentuate. L’abitato conserva la topografia dell’antico borgo medievale, senza lasciarsi condizionare dal cambiamento dei tempi, come dimostra la mancanza di segni di espansione edilizia. Sullo sfondo azzurro dello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, spicca un castello turrito (edificato in Chiaverano intorno al 1000), argenteo, merlato alla guelfa e sormontato da due chiavi d’oro (simbolo del possesso vescovile esercitato in passato sul territorio), poste in croce di Sant’Andrea, con gli ingegni rivolti in basso.

GASSINO TORINESE (Torino)  Civile abitazione VILLA

Città

GASSINO TORINESE (Torino)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Centro residenziale, industriale e agricolo, Gassino è situato all'incrocio della statale Torino-Casale Monferrato con la via di attraversamento della collina verso Cinzano e Asti. Il comune si distende in forma allungata da sud a nord sulla riva destra del Po, il cui corso bagna il nord del borgo. Sul suo territorio si aprono diverse valli: la valle di Bardassano, attraversata dal Rio di Castiglione, la valle di Bussolino, bagnata dal Rio San Filippo o Rio di Valle Maggiore e la valle Baudana, attraversata dal Rio Valle. Il nucleo originale di Gassino Torinese è costituito da una struttura ad anello, delineato da un fossato, che indica la prevalente funzione difensiva del luogo. L'impianto è semplice, posto su due assi ortogonali facilmente riconoscibili; all'interno sono concentrati i monumenti più importanti della città: la chiesa della Confraternita dello Spirito Santo, una casa del XIV secolo e il pregevole Palazzetto del Municipio. L'asse principale dell'impianto urbanistico corrisponde alle attuali via Tubino, piazza A. Chiesa, via Dovis, con pregevoli portici a sesto acuto. Ciliegie e fragole sono un prodotto tipico della zona; in primavera si celebra ogni anno la festa delle ciliegie. La festa patronale del paese ricorre la prima domenica di settembre, per festeggiare la Natività di Maria; in questa occasione si preparano i përsi pen, o pesche ripiene, specialità locale, come i grissini rubatà e i torcet 'd Gasso.

ALESSANDRIA  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ALESSANDRIA

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

San Giuliano Vecchio è un sobborgo del comune di Alessandria, di 1.723 abitanti. Il borgo è prevalentemente agricolo, fatto per la maggior parte di appezzamenti di privati di piccole-medie dimensioni che in maggioranza sono sviluppati lungo l'asse della ex SS10. Le colture sono varie e tra le principali troviamo: grano, mais, colza, piselli e lupini. Sviluppato l'allevamento di bovini, pollame, suini ed equini anche grazie ai molteplici agriturismi della zona. Si contano poche attività produttive ma quella degna di maggior nota è il grande mulino privato adiacente alla ferrovia. Tra gli edifici religiosi la Chiesa della Beata Vergine Assunta ove è conservata una antica reliquia di San Giuliano che è stata divisa con la parrocchia di San Giuliano Nuovo. Le decorazioni e gli affreschi al suo interno e sulla facciata sono opera di Rodolfo Gambini. Cappelle campestri. Tra gli edifici civili le Scuole Elementari, intitolate ad "Angelo e Vincenzina Prato", e le Scuole Medie "G. Mazzini" facente parte dell'istituto comprensivo di Spinetta "A.Caretta" di cui sono divisione. Case di terra della Fraschetta

SILLAVENGO (Novara)  Chiese e luoghi di culto CHIESA DI SANTA MARIA NOVA

Città

SILLAVENGO (Novara)

Immobile

Chiese e luoghi di culto

CHIESA DI SANTA MARIA NOVA

La piccola chiesa di SANTA MARIA NOVA fu edificata probabilmente alla fine del XIV secolo dalla famiglia dei De’ Capitaneis, che la adibì a oratorio. La Chiesa è stata restaurata ed attrezzata a sede di mostre d’arte. L’edificio ha un’aula unica con abside semicircolare. Le mura esterne sono realizzate con ciottoli di fiume per la maggior parte disposti a spina di pesce e intervallati da fasce di mattoni. Anticamente sulla facciata era visibile un affresco che rappresentava il Giudizio Universale, completato da fasce esterne di ornamento, purtroppo ora difficilmente visibile. L’interno è ricco di AFFRESCHI e decorazioni risalenti al XV e XVI secolo. I più importanti si possono ammirare nel catino absidale ove campeggia un’immagine del Cristo Pantocratore con i simboli degli Evangelisti. Interessante la raffigurazione della Passione di Cristo posta sull’arco trionfale. Le pareti laterali sono completamente affrescate con figure di santi purtroppo poco leggibili, una Madonna si trova alla destra dell’entrata.

ROMAGNANO SESIA (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ROMAGNANO SESIA (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Romagnano Sesia vanta origini romane documentate da rinvenimenti archeologici dei primi secoli dell'Impero. All'inizio del Mille il territorio diventa feudo dei Marchesi Romagnano e viene fondata l'Abbazia benedettina di San Silano: da questi ordinamenti ha inizio quella crescita e sviluppo che ha determinato un ruolo storico di rilievo. Con il suo nucleo antico che conserva il tipico impianto urbano medioevale, custodisce monumenti e testimonianze della sua storia: l'Abbaziale di S. Silano; il complesso storico Cantina dei Santi (sec. XI) e affreschi del sec. XV; la chiesa della Madonna del Popolo con dipinti di Tarquinio Grassi; Sant'Anna al Chioso; la chiesa romanica di S. Martino di Breclema; resti del Ponte Medievale; la Torre del Pretorio edificata nel 1466; la Porta Ossola nel Borghetto. E ancora, Piazza Libertà, caratteristica per la sua cinta di portici, il palazzo comunale con il loggiato seicentesco, l'antonelliana Villa Caccia e vari palazzi e residenze storiche: Palazzo Curioni, Casa Tettoni, Palazzo Serbelloni, Villa Eugenia.

FELIZZANO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

FELIZZANO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Una delle più antiche tradizioni del paese deriva da un fatto storico: nel 1630, il "signorotto locale" di Felizzano deviò il corso del Tanaro per irrigare i suoi campi e trarne profitto. Gli abitanti del paese entrarono in rivolta e ottennero un risarcimento in dieci monete d'argento che il signorotto avrebbe versato simbolicamente a Santo Stefano, il quale da allora divenne il patrono di Felizzano. Oggi il rito è rimasto ed è usanza che, nella messa del 26 dicembre, un bambino stacchi da un grande cero le dieci monete per porgerle al Santo di fronte alla presenza del consiglio comunale e di tutte le istituzioni del paese. Dopo le cerimonia avviene la tradizionale premiazione dei più meritevoli studenti felizzanesi e il discorso annuale del sindaco. Probabilmente, il culto di San Michele nel paese fu iniziato dai longobardi. La prima chiesa, gotico-romanica, a tre navate, pare fosse destinata al servizio religioso dei militari di stanza. Fu Marc'Antonio Platone, felizzanese, segretario del consiglio segreto del ducato di Milano, l'autore dell'assetto attuale, con un rifacimento del 1631. La canonica conserva due preziosi dipinti, su tavola, di Gandolfino da Roreto. Il campanile, alto circa 28 m, conserva ancora l'aspetto dell'antica chiesa gotico-romanica ed è ornato alla sommità da un'armoniosa cella quadrata, in cotto a cortina.

BALDICHIERI D’ASTI (Asti)  Civile abitazione VILLETTA

Città

BALDICHIERI D’ASTI (Asti)

Immobile

Civile abitazione

VILLETTA

Comune di collina, di origine incerta, la cui economia si basa sulle tradizionali attività agricole e industriali. I baldichieresi, il cui indice di vecchiaia è di poco superiore alla media, vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce in vari nuclei urbani minori (tra cui quello di Stazione contiguo al nucleo omonimo del comune di Tigliole) e molte case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico ondulato, con variazioni altimetriche appena accennate, che partono da un minimo di 143 e arrivano a un massimo di 235 metri sul livello del mare. L'abitato è addossato a uno sperone collinare delimitato dal corso del rio Castellero e del rio di Tonale; la parte moderna si estende verso sud, lungo la strada Padana Inferiore; ha un andamento plano-altimetrico tipico collinare. Lo sfondo azzurro dello stemma comunale, concesso con Regio Decreto, è attraversato da una banda argentea, accompagnata, in capo, da un leone d'oro e, in punta, da un monte “al naturale”.

MEINA (Novara  Edificio pubblico CASA DI RIPOSO GIOVANNA E FILIPPO RATTI - ONLUS

Città

MEINA (Novara

Immobile

Edificio pubblico

CASA DI RIPOSO GIOVANNA E FILIPPO RATTI - ONLUS

Dotata di tutti i comfort e di personale specializzato per dare accoglienza a anziani autosufficienti e non, offrendo attività personalizzate per mantenere in forma la mente e il corpo. La casa di riposo offre un servizio a 360 gradi, per soddisfare tutte le necessità giornaliere del vostro caro. Tutti gli ospiti di Casa di Riposo di Meina – Giovanna e Filippo Ratti sono accuditi da uno staff di Operatori Socio Sanitari, in grado di fornire assistenza in ogni ora del giorno. All’interno della casa di riposo si svolgono varie attività volte al sostegno delle abilità degli anziani, al culto religioso, all’animazione di gruppo. La residenza è dotata di cucina interna, per preparare di pasti adeguati alle diverse esigenze nutrizionali dei pazienti. Usiamo soltanto ingredienti selezionati per la loro freschezza e naturalezza, li prepariamo tenendo continuamente in considerazione le difficoltà e le peculiarità dei nostri ospiti.

FRINCO (Asti)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

FRINCO (Asti)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

l borgo è situato su una piccola altura alla destra del torrente Versa tra campi coltivati, vigneti e boschi. In posizione dominante si erge il castello del XIII secolo. Suggestivo lo scorcio panoramico che abbraccia il territorio e i centri abitati di Corsione, Villa San Secondo e Montechiaro allineati, fra le colline, in direzione nord-ovest. Un percorso tra cippi e piloni votivi, del XIX secolo si snoda intorno al paese su strade sterrate percorribili a piedi, a cavallo o in mtb. In posizione dominante nel paese, l'imponente mole del castello (proprietà privata, al momento non visitabile) con la torre circolare d'angolo e l'edificio a tre piani ad essa unito, ha conservato l'originale carattere di struttura difensiva. Già esistente nel XIII secolo, subì assai presto attacchi e devastazioni poi, con interventi che si susseguirono lungo i secoli, si accentuò anche la componente residenziale. La parrocchiale, dedicata alla Natività di Maria Vergine, è il risultato di ripetuti interventi che portarono alla fine dell’Ottocento l’aggiunta delle due navate; singolare il campanile, posto alla distanza di un centinaio di metri. La chiesa di S. Defendente è stata ricostruita nel 1966 su un sito leggermente spostato rispetto alla precedente costruzione, già citata nel 1625. Alla Confraternita avente lo stesso nome, apparteneva la chiesa di S. Rocco. I sapori della gastronomia locale sono rappresentati al meglio da un piatto gustoso come la polenta con spezzatino.

SAN GIULIANO VECCHIO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

SAN GIULIANO VECCHIO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È un sobborgo del comune di Alessandria. Il borgo è prevalentemente agricolo, fatto per la maggior parte di appezzamenti di privati di piccole-medie dimensioni che in maggioranza sono sviluppati lungo l'asse della ex SS10. Le colture sono varie e tra le principali troviamo: grano, mais, colza, piselli e lupini. Sviluppato l'allevamento di bovini, pollame, suini ed equini anche grazie ai molteplici agriturismi della zona. Si contano poche attività produttive ma quella degna di maggior nota è il grande mulino privato adiacente alla ferrovia. Nella Chiesa della Beata Vergine Assunta è conservata una antica reliquia di San Giuliano che è stata divisa con la parrocchia di San Giuliano Nuovo. Le decorazioni e gli affreschi al suo interno e sulla facciata sono opera di Rodolfo Gambini. Presenza di Cappelle campestri.

RICALDONE (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

RICALDONE (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Comune collinare, di origine antica, ha un’economia fondata sull’attività agricola, in particolar modo sulla produzione vitivinicola. I ricaldonesi, che presentano un indice di vecchiaia raramente riscontrabile, si distribuiscono tra il capoluogo comunale e numerose case sparse. Il territorio, comprendente l’isola amministrativa Boschi, presenta un profilo geometrico ondulato, con variazioni altimetriche accentuate. L’abitato, non interessato da espansione edilizia, si adagia sulle pendici collinari di una dorsale. Non si registrano particolari manifestazioni folcloristiche o religiose che potrebbero allietare il borgo e richiamare visitatori dai dintorni, ad eccezione della “Festa del vino buono”, a giugno. La festa patronale, in onore dei Santi Simone e Giuda, si celebra il 28 ottobre. Ha dato i natali al cantautore Luigi Tenco (1938-1967).

SANT’AGATA FOSSILI (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

SANT’AGATA FOSSILI (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Piccola comunità collinare, di origine medievale, con un'economia di tipo prettamente agricolo. I santagatesi, che presentano un indice di vecchiaia da primato, sono concentrati nel capoluogo comunale; solo pochi si dividono tra gli aggregati urbani minori e case sparse. Il territorio ha un profilo geometrico ondulato, con variazioni altimetriche non molto accentuate. L'abitato, posto sulla sommità di un colle digradante a sud-ovest verso il vallone del rio Goreto e interessato da espansione edilizia, presenta un andamento plano-altimetrico tipico collinare. Non si segnalano significative manifestazioni culturali o ricreative, che potrebbero allietare il borgo e richiamare visitatori dai dintorni. La festa patronale, in onore di Sant'Agata, si celebra il 5 febbraio.

VILLAFRANCA D’ASTI (Asti)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

VILLAFRANCA D’ASTI (Asti)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Comune collinare, di origine medievale, con un'economia basata sulle tradizionali attività agricole e industriali. I villafranchesi, il cui indice di vecchiaia è di poco superiore alla media, vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale; la restante parte si distribuisce tra le località di Borgovecchio (contigua a quella omonima del comune di Cantarana) e Case Bruciate, molti aggregati urbani minori e case sparse. Il territorio, ricco di importanti reperti fossili, presenta un profilo geometrico ondulato, con differenze di altitudine non molto accentuate. L'abitato, interessato da crescita edilizia, è allungato su un poggio digradante verso lo sbocco della Valle Maggiore. Sullo sfondo argenteo dello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente della repubblica, campeggia un albero sradicato, accompagnato, ai lati, dalle lettere maiuscole V e F, azzurre.

TORINO  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il nome evoca immediatamente i fasti di Casa Savoia, l'Unità d'Italia, grandi chiese e palazzi barocchi, prestigiosi musei, l'industria dell'automobile, lo sport. Ma visitare Torino e il suo territorio vuol dire scoprire una magnifica corona di montagne con rinomate stazioni sciistiche, un'ampia porzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, laghi e colline, il Po (tutto da esplorare: in barca, ma anche in bicicletta lungo le sue sponde). La capitale delle Alpi è una città tutta da scoprire, con le sue strade, le sue piazze, i grandi viali alberati, il Palazzo Reale, il Castello del Valentino, il Museo Egizio e quello del Cinema, i suoi caffè storici, le pasticcerie ed i ristoranti che testimoniano la tradizione gastronomica piemontese. Senza dimenticare la vivacità culturale del capoluogo subalpino, che ne ha fatto una delle capitali europee del cinema e dell'arte contemporanea. I Comuni intorno a Torino sono centri ricchi di storia e testimonianze di un passato glorioso. La Corona delle Residenze Reali di Casa Savoia (Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi, dichiarate dall'Unesco “Patrimonio dell'Umanità”) sta tornando allo splendore dei tempi della Corte dei Re di Sardegna e sarà protagonista al centro delle celebrazioni e delle iniziative per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, proclamata a Torino nel 1861.

GAVAZZANA (Alessandria)  Immobile commerciale SOCIETà AGRICOLA “TENUTA IL RITIRO”

Città

GAVAZZANA (Alessandria)

Immobile

Immobile commerciale

SOCIETà AGRICOLA “TENUTA IL RITIRO”

L’azienda apistica nasce nel 2006 grazie alla passione del giovane apicoltore Giacomo Acerbi. Situata in Piemonte, nel cuore dei colli tortonesi, sfruttando le caratteristiche botaniche e climatiche tipiche di questa regione, si è focalizzata, oltre che sulla produzione di miele, sull’allevamento e la riproduzione di api regine buckfast. Ogni anno vengono prodotte e distribuite in tutta Italia ed in diversi paesi europei più di 20.000 api regine. Fondamentale è stato l’incontro nel 2012 con Horst Preissl, la cui esperienza è stata la chiave per migliorare ulteriormente la qualità del materiale genetico aziendale e fornirgli caratteristiche ben definite e costanti. Infatti in un mondo in cui esiste una variabilità enorme, come quello della buckfast, le linee aziendali hanno caratteri ben definiti e riconducibili ad un pedigree importante e riconosciuto come quello di Horst Preissl. L’azienda è esclusivista, in europea, per la riproduzione e la vendita del suo materiale genetico con fornitura annuale di diverse linee genetiche, ognuna delle quali consiste in almeno una decina di sorelle ed è solo dalla cernita degli esemplari migliori che vengono scelte le madri per la riproduzione. Grazie ad un intenso lavoro di mantenimento e miglioramento durante gli anni di questo patrimonio genetico, la Tenuta Ritiro riesce a garantire una continuità ed una qualità costante, che la rende partner ideale per le aziende apistiche professionali di tutta Europa.

ASTI  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ASTI

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Capoluogo e cuore della provincia, con i suoi 77.000 abitanti, Asti è una città a misura d’uomo. Nota ovunque per i suoi vini e la cucina, meno forse, e a torto, per la sua bellezza dal punto di vista artistico, va scoperta a piedi, passeggiando nel suo centro storico che conserva l’assetto urbanistico medioevale. Il Medioevo, periodo di grande ricchezza e potenza, ha lasciato tracce splendide nei suoi monumenti principali, la cattedrale, la collegiata di San Secondo, il complesso di San Pietro in Consavia, nelle torri e particolari di palazzi e vie. Lo stile barocco dei suoi palazzi nobiliari e l’eleganza ottocentesca delle sue piazze si inseriscono senza stonature , creando un insieme armonico con le eleganti vetrine dei negozi Liberty. Asti legata al suo fastoso passato che rivive ogni anno nel suo Palio, Asti vivace e commerciale nei suoi mercati settimanali, Asti ricca di eventi culturali ed enogastronomici che rendono ancora più piacevole una sosta.

NOVARA  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

NOVARA

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Città attenta alla cultura, Novara ha visto negli ultimi decenni il restauro di edifici di grande valore storico e l'apertura di un nuovo spazio dedicato all'arte moderna. Presso il Teatro Coccia ogni anno si svolge una ricca stagione di lirica, prosa, balletto e cabaret, mentre nel periodo estivo la città si anima di eventi all'aperto. Dolci tipici come i biscottini di Novara o il pane di San Gaudenzio si inseriscono nel quadro di una gastronomia ricca di sapori tradizionali. Le vie del centro storico di Novara, ricche di negozi e caffè, conservano ancora l'impianto romano e l'antico stile di pavimentazione in porfido. È proprio una di queste pietre, di forma triangolare, a segnare per tradizione il punto centrale della città, in piazza Giacomo Matteotti (da tutti conosciuta come piazza delle Erbe). Da questo piccolo slargo si arriva facilmente alle vie del passeggio cittadino e ai principali edifici di interesse storico e artistico.

ARONA (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ARONA (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È un ricco e bel comune situato ai piedi del monte a tavola Roque del Conde, a circa 650 metri d'altitudine. Arona è anche la sede amministrativa di Los Cristianos e Playa de las Americas; per questo il suo nome è spesso indicato sui cartelli che si incontrano nelle località turistiche. La piazza antistante la chiesa di Arona è molto bella ed è il punto di ritrovo principale della località. La chiesa San Antonio Abad merita di essere visitata anche da chi non è credente: al suo interno, infatti, sono ospitati interessanti tesori artistici, quali la croce di San Antonio. Un'altra particolarità di Arona è l'albero Almácigo de Arona, un monumento naturale che si evidenzia per le sue straordinarie dimensioni e la sua grande bellezza. Arona non è una tipica città turistica, quanto piuttosto un caratteristico paese canario, e per questo è particolarmente apprezzata dai villeggianti che non vogliono risiedere direttamente a Los Cristianos o a Las Americas, ma che preferiscono avere la possibilità di raggiungere rapidamente in auto queste località. La costa e le sue numerose spiagge distano circa 15 km.

CASTELL’ALFERO (Asti)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CASTELL’ALFERO (Asti)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Comune collinare, di origine antica, la cui economia si basa sulle tradizionali attività agricole affiancate da un crescente sviluppo dell'industria prevalentemente nella Valle Versa, dove sono nate numerose officine e piccole e medie imprese soprattutto dei settori elettrico e metalmeccanico. Sviluppato è pure il turismo. I castellalferesi, che presentano un indice di vecchiaia elevato, si distribuiscono tra il capoluogo comunale, alcune località, moltissimi aggregati urbani minori nonché case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico ondulato, con variazioni altimetriche non molto accentuate. Il nucleo originario dell'abitato, raccolto ai piedi di un castello, è circondato dai resti dell'antica cinta muraria; in epoca moderna, con lo sviluppo di attività industriali, é sorto un nuovo nucleo in corrispondenza dello scalo ferroviario posto nel fondovalle. Nello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, sono raffigurati, su sfondo argentato, tre uccelli neri; sullo sfondo azzurro del capo figura un anello, recante, nella parte superiore, due mani intrecciate, d'argento.

CASORZO (Asti)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CASORZO (Asti)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il toponimo ha origine incerta: l’ipotesi più attendibile è quella che ne fa derivare il significato all’unione della parola “casa” al nome proprio “Ursius”. Le prime documentazioni riguardo tale cittadina risalgono al 1164, anno in cui Federico Barbarossa ne riconobbe la proprietà a Guglielmo di Monferrato. Rimasta di proprietà dei marchesi di Monferrato fino al 1621, venne venduta ai conti Picco; questi, tre anni dopo il loro insediamento, dovettero sopportare nel 1624 la distruzione della parrocchiale cittadina e l’uccisione di trecento cittadini da parte delle truppe spagnole. Il castello è ormai ridotto a un cumulo di macerie, tra le quali si riesce a identificare ancora oggi una parte della torre e i resti della cinta muraria. La parrocchiale barocca di San Vincenzo Martire, costruita interamente in cotto, sebbene di origine settecentesca, vanta al suo interno numerose opere di artisti rinascimentali; degna di nota, inoltre, è la romanica chiesa di San Giorgio e della Madonna delle Grazie, edificata nel 1180 con base circolare sul punto più alto di un’altura nelle vicinanze della località.

PIEVE VERGONTE (Verbano-Cusio-Ossola)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

PIEVE VERGONTE (Verbano-Cusio-Ossola)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Comune di montagna, di probabile origine medievale, con un'economia basata sulle tradizionali attività agricole e industriali. I pievesi, che presentano un indice di vecchiaia nella media, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce nelle località Megolo di Mezzo e Rumianca, oltre che in aggregati urbani minori e case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche molto accentuate: si raggiungono i 2.250 metri sul livello del mare. L'abitato, posto sul fondovalle, sorge sul conoide di deiezione formato dal rio Marmazza e si è espanso con gli stabilimenti industriali verso nord-est.

BALDISSERO CANAVESE (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

BALDISSERO CANAVESE (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il paese si colloca in una valletta ai piedi del gruppo di colline conosciuto come Monti Pelati, posti alle porte della Valchiusella. Si tratta di una zona particolare e interessante in quanto composta da rocce peridotitiche, silicati e depositi di magnesite (utilizzata per la produzione di ceramiche e porcellane fino al suo esaurimento a inizio ‘900), elementi studiati dai geologi piemontesi. Il patrimonio storico del comune è costituito da edifici di notevole pregnanza artistica, a cominciare dal Castello. Già presente nel 1190, viene ricostruito e ingrandito dopo la rivolta dei tuchini, passando nei secoli sotto l’egida di potenti famiglie, tra le quali occorre ricordare i Conti San Martino e gli Oddone di Faletto. Trasformato in villa, diviene nell’800 residenza di Carlo Felice prima ed Elisabetta di Sassonia poi. Alla fine del secolo viene acquistato dall’ammiraglio Giacinto Pullino, ideatore del primo sommergibile della Marina Italiana. Altro gioiello di Baldissero è la Parrocchiale dell’Assunta e San Martino, costruita nel 1815 in stile barocco, secondo una struttura a croce greca con tre altari. La Cappella della Vespiolla, di origine romanica, rappresenta una delle chiese più antiche del Piemonte e per questo è stata dichiarata monumento nazionale.

PALAZZOLO VERCELLESE (Vercelli)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

PALAZZOLO VERCELLESE (Vercelli)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Sorge a circa 24 chilometri a sud-ovest in direzione del capoluogo, poco distante dalla riva sinistra del Po. Il suo panorama offre la veduta delle colline del Monferrato e delle risaie, molto diffuse per la tipica coltivazione del riso. Attraverso i ritrovamenti di numerosi reperti archeologici (attualmente conservati presso il "Museo Leone" di Vercelli e il "Museo di antichità" di Torino), le origini di Palazzolo Vercellese risalgono all'epoca romana; ciò è testimoniato dalla struttura del suo centro storico, ovvero il tipico castrum romano. Il monumento ai caduti, eretto in piazza Giovine Italia, è a ricordo dei valorosi soldati deceduti sul campo di battaglia durante la prima e la seconda guerra mondiale. Tale costruzione è costituita da una base cubica in pietra, circondata da lastre di granito grigio-nero, sulle quali sono incisi i nomi dei soldati palazzolesi defunti; al di sopra di quest'ultima, si erge un soldato in bronzo in fase di movimento con la bandiera italiana nella mano destra. La chiesa parrocchiale di San Germano è la principale chiesa di Palazzolo Vercellese, Nella parrocchia sono inoltre presenti i resti dei corpi dei due patroni della comunità, quali San Caio e Santa Faustina, conservati in un'urna in vetro dal 1626. Essi vengono esposti durante cerimonie religiose importanti e, soprattutto, nell'annuale Santa Messa per celebrarli, ovvero all'annuale "festa del paese" che si tiene solitamente la prima domenica di settembre.

PEROSA ARGENTINA (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

PEROSA ARGENTINA (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il nucleo principale del paese si trova all’imbocco della Val Germanasca, in un’ampia conca dalla quale si nota l’evidente passaggio dal paesaggio di media e bassa valle, al paesaggio tipico di alta montagna. “Petrosa”, l’antico nome indica la natura stessa del territorio del comune: le antiche cave di pietra tuttora attive e le storiche miniere di argento. Poggio Oddone borgo posto in posizione dominante rispetto al corso delle due valli, ospita i resti del castello costruito nel 1200. Nel periodo di scontro tra Francesi e Savoia, Perosa fu ampiamente contesa da entrambe le parti. Assumendo nel 1800 il ruolo di importante centro industriale valligiano, ceduto poi nel ‘900 al vicino Villar. Da Visitare la Mostra sulla Resistenza, i rifugi antiaerei della Seconda Guerra Mondiale, la Chiesa Parrocchiale di San Genesio ed il bel Parco E. Gay, nella cui villa si trova la sede degli uffici della Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca.

CAMERI (Novara)  Immobile commerciale STUDIO DI INGEGNERIA CARLO ING. BARELLA

Città

CAMERI (Novara)

Immobile

Immobile commerciale

STUDIO DI INGEGNERIA CARLO ING. BARELLA

Lo Studio di Ingegneria Carlo ing. Barella si propone all’attenzione della sua clientela privata, imprenditoriale, professionale ed aziendale, con i suoi ottimi servizi di consulenza tecnica, engineering edile e di progettazione civile. Particolarmente apprezzato per la meticolosità, affidabilità, professionalità e puntualità dei suoi servizi, gestisce ogni incarico con particolare attenzione al rispetto delle normative ambientali, urbanistiche, infrastrutturali, di sicurezza e del lavoro previste dal nostro ordinamento ed agli standard più severi comunitari. Lo Studio di Ingegneria Carlo ing. Barella offre tutti i suoi servizi a costi decisamente interessanti ed è sempre disponibile per studi personalizzati preliminari, sopralluoghi gratuiti e senza impegno ed alla fornitura di valutazioni, stime e preventivi, chiari e dettagliati in ogni sua componente. Offre i suoi servizi, preferibilmente con appuntamento, nei suoi uffici in provincia di Novara, nel comune di Cameri in via Dei Mille.

NOVI LIGURE (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

NOVI LIGURE (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È ad oggi un'attiva realtà commerciale ed industriale, nonché principale comune del Novese, il territorio che dalla città prende il nome. Nel corso della propria storia, in ragione della strategica collocazione geografica, divenne prima oggetto di contesa da parte di antichi stati italiani medievali ed in seguito maggiore centro della Repubblica di Genova nella regione storica dell'Oltregiogo, quale crocevia dei traffici commerciali e monetari tra la Superba e la pianura padana. Fu inoltre capoluogo dell'omonima provincia di Novi durante il Regno di Sardegna. Novi Ligure sorge nella zona sud-orientale dell'alto Monferrato (Basso Piemonte), nella regione storica detta dell'Oltregiogo, ai margini della porzione sinistra della Valle Scrivia. L'abitato è situato sulle estreme pendici settentrionali dell'Appennino Ligure, che qui si addolcisce in colline ondulate, per la maggior parte coltivate a vite e per la restante boscose. Difatti il territorio comunale è caratterizzato dalla compresenza dei rilievi collinari, subito retrostanti il centro storico e i quartieri a questo adiacenti, e dalla piana alluvionale che digrada verso il fiume Scrivia. La presenza della pianura antistante e la vicinanza dell'Appennino ligure determinano un clima temperato ad estate calda, con frequenti giornate di vento e occasionali nevicate nei mesi più rigidi.

MEINA (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

MEINA (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È un grazioso paese sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, posto, seguendo il Sempione in direzione nord, appena dopo l'abitato di Arona e prima di Solcio di Lesa. Il territorio risultava abitato già nell'età del Bronzo e conserva evidenti tracce del più recente passato feudale. Originariamente conosciuta col nome di Madina, Meina conserva nel suo territorio alcune interessanti chiese. La più importante è la Chiesa di Santa Margherita che ospita al suo interno alcuni interessanti affreschi. Nella frazione di Silvera, borgo a ca. 500 metri s.l.m., sulle pendici sovrastanti, troviamo la Chiesa di San Rocco, del XIX secolo, e in località Piantini la Chiesa della Madonna di Fatima.

TORINO   Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il nome evoca immediatamente i fasti di Casa Savoia, l'Unità d'Italia, grandi chiese e palazzi barocchi, prestigiosi musei, l'industria dell'automobile, lo sport. Ma visitare Torino e il suo territorio vuol dire scoprire una magnifica corona di montagne con rinomate stazioni sciistiche, un'ampia porzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, laghi e colline, il Po (tutto da esplorare: in barca, ma anche in bicicletta lungo le sue sponde). La capitale delle Alpi è una città tutta da scoprire, con le sue strade, le sue piazze, i grandi viali alberati, il Palazzo Reale, il Castello del Valentino, il Museo Egizio e quello del Cinema, i suoi caffè storici, le pasticcerie ed i ristoranti che testimoniano la tradizione gastronomica piemontese. Senza dimenticare la vivacità culturale del capoluogo subalpino, che ne ha fatto una delle capitali europee del cinema e dell'arte contemporanea. I Comuni intorno a Torino sono centri ricchi di storia e testimonianze di un passato glorioso. La Corona delle Residenze Reali di Casa Savoia (Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi, dichiarate dall'Unesco “Patrimonio dell'Umanità”) sta tornando allo splendore dei tempi della Corte dei Re di Sardegna e sarà protagonista al centro delle celebrazioni e delle iniziative per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, proclamata a Torino nel 1861.

PAVONE CANAVESE (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

PAVONE CANAVESE (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Piccolo centro di antichissima origine adagiato sulle verdi colline canavesane. A Pavone si mescolano il medioevo autentico dei suoi “ricetti” e il medioevo “reinterpretato” del castello (ristrutturato a fine Ottocento da Alfredo d’Andrade) e della rievocazione storica delle “Ferie Medievali”. Pavone Canavese è, grazie al suo complesso collinare della Paraj Auta, un balcone naturalistico sull’anfiteatro morenico eporediese. Situato alle porte di Ivrea si colloca nella conca tra il Chiusella, la Dora e la strada per la Valle d’Aosta. La Paraj Auta è un’area collinare interessante sotto l’aspetto geologico, della flora e della fauna, attrezzata per percorsi naturalistici. In quest’area, ricca di incisioni rupestri (coppelle), è attestata la presenza di insediamenti umani dell’età del Bronzo e del Ferro. Nello stemma comunale, aureo, campeggia un pavone roteante, azzurro; lo sfondo purpureo del capo reca una croce d’argento.

TORINO  Civile abitazione CONDOMINIO VIA PO

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

CONDOMINIO VIA PO

Il nome evoca immediatamente i fasti di Casa Savoia, l'Unità d'Italia, grandi chiese e palazzi barocchi, prestigiosi musei, l'industria dell'automobile, lo sport. Ma visitare Torino e il suo territorio vuol dire scoprire una magnifica corona di montagne con rinomate stazioni sciistiche, un'ampia porzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, laghi e colline, il Po (tutto da esplorare: in barca, ma anche in bicicletta lungo le sue sponde). La capitale delle Alpi è una città tutta da scoprire, con le sue strade, le sue piazze, i grandi viali alberati, il Palazzo Reale, il Castello del Valentino, il Museo Egizio e quello del Cinema, i suoi caffè storici, le pasticcerie ed i ristoranti che testimoniano la tradizione gastronomica piemontese. Senza dimenticare la vivacità culturale del capoluogo subalpino, che ne ha fatto una delle capitali europee del cinema e dell'arte contemporanea. I Comuni intorno a Torino sono centri ricchi di storia e testimonianze di un passato glorioso. La Corona delle Residenze Reali di Casa Savoia (Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi, dichiarate dall'Unesco “Patrimonio dell'Umanità”) sta tornando allo splendore dei tempi della Corte dei Re di Sardegna e sarà protagonista al centro delle celebrazioni e delle iniziative per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, proclamata a Torino nel 1861.

TORINO  Civile abitazione CONDOMINIO VIA PRATI

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

CONDOMINIO VIA PRATI

Il nome evoca immediatamente i fasti di Casa Savoia, l'Unità d'Italia, grandi chiese e palazzi barocchi, prestigiosi musei, l'industria dell'automobile, lo sport. Ma visitare Torino e il suo territorio vuol dire scoprire una magnifica corona di montagne con rinomate stazioni sciistiche, un'ampia porzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, laghi e colline, il Po (tutto da esplorare: in barca, ma anche in bicicletta lungo le sue sponde). La capitale delle Alpi è una città tutta da scoprire, con le sue strade, le sue piazze, i grandi viali alberati, il Palazzo Reale, il Castello del Valentino, il Museo Egizio e quello del Cinema, i suoi caffè storici, le pasticcerie ed i ristoranti che testimoniano la tradizione gastronomica piemontese. Senza dimenticare la vivacità culturale del capoluogo subalpino, che ne ha fatto una delle capitali europee del cinema e dell'arte contemporanea. I Comuni intorno a Torino sono centri ricchi di storia e testimonianze di un passato glorioso. La Corona delle Residenze Reali di Casa Savoia (Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi, dichiarate dall'Unesco “Patrimonio dell'Umanità”) sta tornando allo splendore dei tempi della Corte dei Re di Sardegna e sarà protagonista al centro delle celebrazioni e delle iniziative per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, proclamata a Torino nel 1861.

TORTONA (Alessandria)  Immobile commerciale BOUTIQUE SMECK DI PALLESTRINI GIANLUIGI

Città

TORTONA (Alessandria)

Immobile

Immobile commerciale

BOUTIQUE SMECK DI PALLESTRINI GIANLUIGI

Propone abbigliamento uomo/donna delle marche più esclusive. Specializzati da 50 anni servizio su misura per abiti, giacche, pantaloni, cappotti, camicie per i clienti che desiderano indossare la qualità nelle occasioni più formali.

ALICE CASTELLO (Vercelli)  Civile abitazione VILLA

Città

ALICE CASTELLO (Vercelli)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Un quarto del territorio comunale è occupato da gerbidi e boschi. L'agricoltura è principalmente concentrata nella coltivazione del granoturco, del frumento, della vite e della frutta in particolar modo della coltivazione di Kiwi, senza contare un discreto comparto di allevamento di bovini e pollame. È presente anche l'attività industriale, soprattutto quella meccanica. L'edificio più importante, anche grazie alla sua posizione dominante è la pregevole Parrocchiale di San Nicola. Venne progettata dall'architetto Francesco Gallo, iniziata nel 1745, fu terminata nel 1760 e consacrata nel 1767. L'edificio è a pianta longitudinale e al centro dell'aula si trovano due cappelle. Della chiesa originale rimane solo la parte inferiore del campanile. Al suo interno si possono ammirare un pregevole organo ad opera del biellesi Giovanni e Giacinto Bruna di Miagliano; una Crocefissione situata nell'altare di sinistra, opera della metà del secolo XVIII. Nella Chiesa della confraternita dell'Immacolata Concezione sono da segnalare al di sopra dell'altare una Madonna con il bambino, Santi e Disciplinanti provenienti dalla bottega della famiglia Giovenone, e, dietro all'altare un' Assunta e Disciplinanti. Tra gli altri edifici di pregio troviamo la Chiesa dei Santi Fabiano e Sebastiano, iniziata nel 1580 grazie al voto fatto dagli abitanti per essere liberati dalla peste.

NOVI LIGURE (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

NOVI LIGURE (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È ad oggi un'attiva realtà commerciale ed industriale, nonché principale comune del Novese, il territorio che dalla città prende il nome. Nel corso della propria storia, in ragione della strategica collocazione geografica, divenne prima oggetto di contesa da parte di antichi stati italiani medievali ed in seguito maggiore centro della Repubblica di Genova nella regione storica dell'Oltregiogo, quale crocevia dei traffici commerciali e monetari tra la Superba e la pianura padana. Fu inoltre capoluogo dell'omonima provincia di Novi durante il Regno di Sardegna. Novi Ligure sorge nella zona sud-orientale dell'alto Monferrato (Basso Piemonte), nella regione storica detta dell'Oltregiogo, ai margini della porzione sinistra della Valle Scrivia. L'abitato è situato sulle estreme pendici settentrionali dell'Appennino Ligure, che qui si addolcisce in colline ondulate, per la maggior parte coltivate a vite e per la restante boscose. Difatti il territorio comunale è caratterizzato dalla compresenza dei rilievi collinari, subito retrostanti il centro storico e i quartieri a questo adiacenti, e dalla piana alluvionale che digrada verso il fiume Scrivia. La presenza della pianura antistante e la vicinanza dell'Appennino ligure determinano un clima temperato ad estate calda, con frequenti giornate di vento e occasionali nevicate nei mesi più rigidi.

ALMESE (Torino)  Civile abitazione VILLETTA

Città

ALMESE (Torino)

Immobile

Civile abitazione

VILLETTA

Non è sicura la provenienza del nome Almese: per alcuni storici deriva da “ad Maesam”, che significa ‘accanto al torrente Messa’, secondo altri deriva dal gallo-romano “Almo”. Etimologia questa che sarebbe coerente con i ritrovamenti nella zona di Malatrait e nella villa romana di Rivera, che datano la presenza di abitanti alla tarda età del ferro con insediamenti che si sarebbero notevolmente espansi nel periodo romano. È certo è che la zona di Almese fu un punto di passaggio: lo testimoniano le antiche dogane per il pagamento di dazi e pedaggi, ritrovate a Malano, vicino a Drubiaglio. Nel giugno 1800 tutta la regione viene annessa alla Francia, poi, con la caduta di Napoleone, Almese diviene Comune capo di mandamento della Provincia di Susa, insieme ai Comuni aggregati di Villar-Almese (oggi Villardora), Rivera e Rubiana: è quindi sede di circoscrizione giudiziaria e di pretura. Frattanto nel 1845 viene ampliata la piazza Martiri, costruito il nuovo municipio, si risolve la diatriba con Avigliana rispetto alla sede del mercato. Almese rimarrà borgo agricolo fino a quando il collegamento ferroviario nel 1854 renderà possibile l’impianto di alcune industrie: si costruiscono allora le scuole elementari e, nel luogo attualmente occupato dal municipio, sorge il primo mercato coperto di tutta la valle. Con il 1900 trova finalmente soluzione la secolare vicenda dei pascoli sul Musiné, tra Rivera e Milanere, mentre dal 1955 i comuni di Almese e Villardora sono separati.

SAN FRANCESCO AL CAMPO (Torino)  Civile abitazione VILLA

Città

SAN FRANCESCO AL CAMPO (Torino)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Centro di pianura, di origine medievale, che alle tradizionali attività agricole ha affiancato una rilevante presenza industriale. I sanfranceschesi, con un indice di vecchiaia nella media, vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce nella località di Centro, in alcuni aggregati urbani minori nonché in case sparse. Il territorio ha un profilo geometrico regolare, con variazioni altimetriche appena accennate, che vanno da un minimo di 270 a un massimo di 345 metri sul livello del mare. L’abitato, interessato da espansione edilizia, presenta un andamento plano-altimetrico pianeggiante. Sullo sfondo azzurro dello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, figurano cinque piante di castano, fondate su un verde terreno e sormontate dalla testa di San Francesco d’Assisi, “al naturale”.

VIGNALE MONFERRATO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

VIGNALE MONFERRATO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Famoso per i suoi vigneti, merita una sosta per ammirare i bei edifici gotici che testimoniano il glorioso passato. Palazzo Callori, imponente edificio costruito secondo i canoni delle abitazioni patrizie settecentesche dai Callori. Oggi ospita nelle antiche cantine scavate nel tufo, l'Enoteca Regionale del Monferrato, mentre saloni e sale eleganti e decorate vengono utilizzati per feste di nozze. All'ingresso del paese la Porta Urbica, antico accesso che faceva parte della prima cerchia delle mura di Vignale. Caratteristica la costruzione in uno stile unico detta "casa Serpentello" al numero 91 di via Garibaldi, decorata negli anni '30 dal proprietario Luciano Serpentello. Altro edificio storico è la Torre Civica del XV secolo. Costruita su una chiesa del XII secolo, con la facciata neoclassica la Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo, vanta all'interno affreschi di Luigi Morgari che raffigurano importanti personaggi vignalesi ed un quadro del Moncalvo raffigurante Sant' Agostino. Nella parte bassa di Vignale, vicino alla Porta Urbica, si trova la Chiesa della Beata Vergine Addolorata con l'adiacente convento dei Servi di Maria. Dedicata alla purificazione di Maria Vergine fu iniziata dall'ordine dei Servi di Maria tra il 1470 e ultimata all'inizio del 600. In stile lombardo-gotico con i classici contrafforti sulla facciata, la Chiesa ha un interno a tre navate molto spazioso dove è custodita la Madonna dei sette dolori scolpita in un albero di pero.

CANDELO (Biella)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CANDELO (Biella)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Città delle emozioni: dal Ricetto medievale, borgo fortificato del XIV sec. ed unicum europeo, alla Baraggia, ladel Biellese, attraverso itinerari nel verde, manifestazioni e dentro e fuori le mura. Il Ricetto, uno dei 100 borghi più belli d'Italia, unico nel suo genere per le condizioni di conservazione ne permettono una lettura completa diversificandolo dai molti ricetti piemontesi nessuno dei quali ha potuto conservarsi altrettanto bene. Nella forma attuale risale al XIII-XIV sec. Edificato dalla comunità locale allo scopo di difendere i prodotti della campagna ha assunto la veste di vero e proprio monumento della cultura contadina. Oggi è sede dell'Ecomuseo della vitivinicoltura, del Centro documentazione ricetti e di mostre temporanee.

CAMINO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CAMINO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È uno fra i luoghi più interessanti del Monferrato settentrionale, per il nucleo rustico, per il paesaggio, per la bella vegetazione, ma soprattutto per il grandioso castello dove sono visibili pitture barocche, in gran parte opera del geniale Pier Francesco Guala. Il castello di Camino fu costruito intorno all'anno mille come roccaforte difensiva delle pianure del Po e della Stura. Durante i secoli XIV e XV fu ampliato ed abbellito dai marchesi Scarampi di Villanova. Nel 1631 subì l'assedio delle truppe francesi. I successivi restauri mantennero le linee originali del maniero e lo riportarono al suo antico splendore. Su quasi tutto il perimetro del castello si è conservata la merlatura e la torre quadrangolare, anch'essa merlata e caratterizzata dalle sue numerose finestre, è sormontata da un loggiato. A fianco della torre c'è il muro d'ingresso aperto dal grande portone. All'interno è ospitata una bella sala da pranzo quattrocentesca con un camino istoriano ed una biblioteca che conserva preziosissimi volumi antichi.

CASELLE TORINESE (Torino)  Immobile commerciale EX LANIFICIO BASILIO BOVA

Città

CASELLE TORINESE (Torino)

Immobile

Immobile commerciale

EX LANIFICIO BASILIO BOVA

Si trova alla sinistra del fiume Stura di Lanzo, a 17 chilometri a nord di Torino. Venne fondata dai Romani con il nome di Casellum, perché sede della riscossione del pedaggio sulla strada che si snodava verso le Valli di Lanzo. Il simbolo di Caselle, formato da quattro case con campo rosso e croce bianca, rappresenta le quattro famiglie che secondo la tradizione sarebbero sopravvissute alla peste che colpì la zona nel Medioevo. Due sono le chiese parrocchiali, la più antica è quella di San Giovanni Evangelista, in cui è custodita la statua della Vergine Addolorata, molto venerata e portata in processione in occasione della festa patronale che si svolge nel mese di settembre, la Chiesa di Santa Maria Assunta è più recente ed affaccia sulla centralissima piazza Boschiassi. Altri edifici di interesse storico e culturale sono il Palazzo Mosca, sede del Consiglio Comunale, la Chiesa dei Battuti (splendido esempio di barocco piemontese) e Chiesa della Madonnina. Caselle è sede dell'aeroporto internazionale "Sandro Pertini" (sigla IATA: TRN) che serve la città di Torino, inaugurato nel luglio 1953.

ALTAVILLA MONFERRATO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ALTAVILLA MONFERRATO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Al confine tra le province di Asti ed Alessandria, Altavilla Monferrato è un piccolo comune del Basso Monferrato, sorto su un'altura attorno ad un castello, lungo la riva destra del torrente Grana. Fu possedimento del Monastero di Novalesa dal 1026; passò, poi, ai Marchesi di Monferrato e, infine, ai Gonzaga di Mantova. Centro agricolo noto per l'eccellente produzione di vini, conserva nella Parrocchiale di San Giulio pregevolissii capolavori, come l'Ultima Cena" del Moncalvo e le "Nozze di Cana" di Niccolò Musso.

GASSINO TORINESE (Torino)  Immobile commerciale AZIENDA AGRICOLA “DOMINA ELISABETTA”

Città

GASSINO TORINESE (Torino)

Immobile

Immobile commerciale

AZIENDA AGRICOLA “DOMINA ELISABETTA”

L'agriturismo “Cascina Domina” è un'antica cascina piemontese immersa in quasi 10 ettari di terreno coltivato a frutteto, vigna, orto e uliveto. Dai suoi prati si può godere di un panorama stupendo che comprende gran parte dell'arco alpino, infatti, la vista spazia da Superga alla Valle di Susa,dalle Valli di Lanzo alla Serra di Ivrea e oltre. Oltre alla produzione agricola di ortaggi e frutta di tutti i tipi, l'Agriturismo “Cascina Domina” è in grado di ospitare nelle sue 11 camere finemente arredate, famiglie con bambini o turisti in cerca di un'oasi di pace a pochi minuti dal centro del paese di Gassino Torinese, ed a soli 15 Km dal centro di Torino. Sono di produzione propria tutte le paste, gli agnolotti, il pane, i grissini e tutti i dolci compresa la piccola pasticceria che si potrà gustare nella piccola, ma confortevole sala ristorante ricavata da quello che una volta era la sosta per i mezzi agricoli.

TORINO  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il nome evoca immediatamente i fasti di Casa Savoia, l'Unità d'Italia, grandi chiese e palazzi barocchi, prestigiosi musei, l'industria dell'automobile, lo sport. Ma visitare Torino e il suo territorio vuol dire scoprire una magnifica corona di montagne con rinomate stazioni sciistiche, un'ampia porzione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, laghi e colline, il Po (tutto da esplorare: in barca, ma anche in bicicletta lungo le sue sponde). La capitale delle Alpi è una città tutta da scoprire, con le sue strade, le sue piazze, i grandi viali alberati, il Palazzo Reale, il Castello del Valentino, il Museo Egizio e quello del Cinema, i suoi caffè storici, le pasticcerie ed i ristoranti che testimoniano la tradizione gastronomica piemontese. Senza dimenticare la vivacità culturale del capoluogo subalpino, che ne ha fatto una delle capitali europee del cinema e dell'arte contemporanea. I Comuni intorno a Torino sono centri ricchi di storia e testimonianze di un passato glorioso. La Corona delle Residenze Reali di Casa Savoia (Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri, Stupinigi, dichiarate dall'Unesco “Patrimonio dell'Umanità”) sta tornando allo splendore dei tempi della Corte dei Re di Sardegna e sarà protagonista al centro delle celebrazioni e delle iniziative per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, proclamata a Torino nel 1861.

Casale Monferrato (Alessandria)  Immobile storico MUSEO D'ARTE E STORIA ANTICA EBRAICA - MUSEO DEI LUMI

Città

Casale Monferrato (Alessandria)

Immobile

Immobile storico

MUSEO D'ARTE E STORIA ANTICA EBRAICA - MUSEO DEI LUMI

Il Museo dei Lumi, ospitato nei locali sotterranei della comunità ebraica (luogo un tempo dedicato alla produzione del pane azzimo tradizionale), raccoglie una collezione di lampade utilizzate per la festa rituale di Chanukka, prodotte da artisti contemporanei di origine ebraica ma non soltanto. Questo magnifico luogo soffriva di gravi problemi di umidità che rischiavano di compromettere le opere esposte e creavano numerosi problemi sia estetici che di salubrità degli ambienti. Per eliminare per sempre l'umidità di risalita la direzione del Museo ha deciso, dopo il parere positivo di vari tecnici che hanno analizzato i luoghi, di installare il sistema elettrofisico di deumidificazione muraria. Oggi il Museo, fruibile secondo gli orari di apertura al pubblico, continua a conservare la sua rara bellezza e gode di muri asciutti e ambienti salubri grazie al processo di deumidificazione delle murature.

GASSINO TORINESE (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

GASSINO TORINESE (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Gassino Torinese può vantare un territorio e un suolo ricchi di fossili di origine marina, sia animali che vegetali, scoperti per la prima volta nel secolo XIX dal paleontologo Conte di Rovasenda. Il suolo di Gassino, per lo più composto da calcari, sabbie e marne ha dato vita ad una famosa formazione geologica conosciuta dai più con il nome di Calcàre di Gassino. Ma il territorio di Gassino è ricco anche, nella zona di origine alluvionale, di argilla e ghiaia. Sono infatti da ricordare i laterizi e il vasellame prodotto per molto tempo a Gassino: nel 1564 il duca Emanuele Filiberto di Savoia, dando inizio alla costruzione della cittadella di Torino, prese possesso della produzione annuale dei mattoni fabbricati nel comune. Ma il destino di Gassino è legato al mondo delle costruzioni edili e sopratutto della produzione di materiali per l’edificazione di case ed altri edifici. Infatti il calcare fossilifero chiamato marmo di Gassino e prodotto nella valle di Bardassano è stato per lungo tempo uno dei materiali più ricercati nell’edilizia di pregio. Dai pavimenti della Basilica di Superga al porticato dell’Università di Torino, dalla facciata di Palazzo Madama di Torino al ponte napoleonico sul Po nel capoluogo piemontese sono stati edificati con il Marmo di Gassino.

GIGNESE (Verbano-Cusio-Ossola)  Civile abitazione VILLA

Città

GIGNESE (Verbano-Cusio-Ossola)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

L'abitato di Gignese, è situato a 700 metri d'altitudine sul pendio che dal Mottarone degrada verso il Lago Maggiore. Il paese è posto tra due torrenti:la Fiumetta o Grisana a Nord e lo Scoccia o Erno a sud. La leggenda vuole formato il paese da tale Genesio Dotti, fuoriuscito genovese del XII secolo, il quale sarebbe approdato alla foce dell'Erno con la moglie e tre figlie. Qui la moglie sarebbe morta di stenti,e la residua famigliola avrebbe risalito il torrente fino al passo presso l'Agogna, fissandovi la dimora. Come ogni bella storia, anche questa si conclude con lieto fine:il matrimonio delle tre ragazze con tre baldi giovani di Vezzo e la nascita del paese. L'economia del passato era essenzialmente legata all'allevamento del bestiame, poichè l'altitudine e la posizione non consentono culture cerealicole sufficienti. Altra ricchezza del paese erano i boschi, successivamente sacrificati per formare i pascoli di nuovi alpeggi e solo ai nostri giorni ritornati a coprire col loro verde manto i dossi ormai inselvatichiti dalle felci. La profonda trasformazione operata dal turismo e l'accresciuto benessere ad esso conseguente hanno pressoché cancellato le tipologie arcaiche dell'architettura contadina, caratterizzata da costruzione basse, con portali in pietra. Più diffuse sono invece le costruzioni risalenti al sei-settecento.

VILLANOVA MONFERRATO (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

VILLANOVA MONFERRATO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È il comune più a nord della provincia di Alessandria e si trova molto vicina a Vercelli ed al confine con la Lombardia. Conserva la parrocchiale di Sant'Emiliano del XIX secolo e l'Oratorio della confraternita di San Michele, ora "Auditorium", e il Palazzo Municipale, che ospita un quadro di Pier Francesco Guala Madonna con bambino mentre benedice Sant'Emiliano e San Bernardino. l comune di Villanova Monferrato è sede dell'industria dolciaria Bistefani, famosa a livello nazionale ed internazionale per la produzione dei caratteristici biscotti Krumiri. Il patrono è Sant'Emiliano e si celebra il 16 luglio.

NOVI LIGURE (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

NOVI LIGURE (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È ad oggi un'attiva realtà commerciale ed industriale, nonché principale comune del Novese, il territorio che dalla città prende il nome. Nel corso della propria storia, in ragione della strategica collocazione geografica, divenne prima oggetto di contesa da parte di antichi stati italiani medievali ed in seguito maggiore centro della Repubblica di Genova nella regione storica dell'Oltregiogo, quale crocevia dei traffici commerciali e monetari tra la Superba e la pianura padana. Fu inoltre capoluogo dell'omonima provincia di Novi durante il Regno di Sardegna. Novi Ligure sorge nella zona sud-orientale dell'alto Monferrato (Basso Piemonte), nella regione storica detta dell'Oltregiogo, ai margini della porzione sinistra della Valle Scrivia. L'abitato è situato sulle estreme pendici settentrionali dell'Appennino Ligure, che qui si addolcisce in colline ondulate, per la maggior parte coltivate a vite e per la restante boscose. Difatti il territorio comunale è caratterizzato dalla compresenza dei rilievi collinari, subito retrostanti il centro storico e i quartieri a questo adiacenti, e dalla piana alluvionale che digrada verso il fiume Scrivia. La presenza della pianura antistante e la vicinanza dell'Appennino ligure determinano un clima temperato ad estate calda, con frequenti giornate di vento e occasionali nevicate nei mesi più rigidi.

QUATTORDIO (Alessandria)  Civile abitazione VILLA

Città

QUATTORDIO (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Comune fra Asti e Alessandria che si sviluppa sulla statale 10: 1.668 gli abitanti. Da segnalare fuori paese la presenza di un'antica costruzione difensiva, ora azienda agricola, chiamata Cascina Rocca Civalieri. Quattordio è dotato di centro sportivo con piscina, campi da tennis e da calcio, un oratorio e una casa di riposo. Tra le frazioni Serra, 100 abitanti. Economia prevalentemente agricola.

NOVI LIGURE (Alessandria)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

NOVI LIGURE (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È ad oggi un'attiva realtà commerciale ed industriale, nonché principale comune del Novese, il territorio che dalla città prende il nome. Nel corso della propria storia, in ragione della strategica collocazione geografica, divenne prima oggetto di contesa da parte di antichi stati italiani medievali ed in seguito maggiore centro della Repubblica di Genova nella regione storica dell'Oltregiogo, quale crocevia dei traffici commerciali e monetari tra la Superba e la pianura padana. Fu inoltre capoluogo dell'omonima provincia di Novi durante il Regno di Sardegna. Novi Ligure sorge nella zona sud-orientale dell'alto Monferrato (Basso Piemonte), nella regione storica detta dell'Oltregiogo, ai margini della porzione sinistra della Valle Scrivia. L'abitato è situato sulle estreme pendici settentrionali dell'Appennino Ligure, che qui si addolcisce in colline ondulate, per la maggior parte coltivate a vite e per la restante boscose. Difatti il territorio comunale è caratterizzato dalla compresenza dei rilievi collinari, subito retrostanti il centro storico e i quartieri a questo adiacenti, e dalla piana alluvionale che digrada verso il fiume Scrivia. La presenza della pianura antistante e la vicinanza dell'Appennino ligure determinano un clima temperato ad estate calda, con frequenti giornate di vento e occasionali nevicate nei mesi più rigidi.

TORINO  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

TORINO

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Il paese di Revigliasco Torinese è di origine romana e nel medioevo ebbe un ruolo di grande importanza nella vita politica, sociale ed economica della zona. Va ricordata l'importanza che ebbe nell'economia del paese la coltivazione dello zafferano. La pianta, usata per le sue proprietà tintorie. La connotazione agricola con il passare degli anni è diminuita. Dove prima vi erano campi e frutteti oggi sorge una importante zona residenziale che ovviamente ha cambiato la fisionomia di quella zona. Ciò che è rimasto immutato è il centro storico del paese che lascia comparire molte testimonianze di antica mura risalente al 1100 ed appartenenti al Castello che fu del Barbarossa. Altre antiche presenze sono le viuzze degradanti verso la pianura, vecchie case, suggestivi cortili, piccole cappelle e ville stupende che furono il soggiorno di villeggiatura di molte nobili famiglie torinesi. Una particolare attenzione viene richiamata dalla Chiesa Parrocchiale di San Martino Vescovo del XVII secolo in puro barocco fiorentino. Essa si erge alla sommità di una ardita scalinata e conserva nel suo interno numerose opere pittoriche di notevole valore fra cui primeggia la Cappella della Spina che custodisce un trittico e predella degli apostoli con chiari esempi defendenteschi. Queste importanti opere pittoriche suggeriscono una datazione risalente al quattrocento ed ai primi decenni del 1500.

MURAZZANO (Cuneo)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

MURAZZANO (Cuneo)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Corteo di case e palazzi ricercati ed eleganti, Murazzano è definito “scudo e chiave del Piemonte” per la sua posizione strategica. La sua torre, alta trentatre metri, perfettamente quadrata, costruita con muri imponenti di ottima pietra, è la meglio conservata fra le torri che, numerose, punteggiavano le colline dell’Alta Langa con funzione di avvistamento e segnalazione, in un’epoca di frequenti scorrerie saracene. D’interesse il Santuario della Madonna di Hal, con l’attigua Porta di Buzignano che delimitava l’antico abitato, e la Chiesa di San Lorenzo; bellissimo Palazzo Tovegni, in stile eclettico con due abbaini liberty, curioso il mulino a vento, originaria torre poi riconvertita per la macina delle granaglie. Il lavoro nei campi non conosce sosta, richiede impegno costante e ritmi che assecondino quelli delle stagioni. A scandire feste e riposi è la religione, la messa domenicale, i matrimoni qui favoriti dalla figura tradizionale del bacialé, pellegrinaggi e feste patronali. Il gioco e la scommessa offrono invece occasioni di svago, delle carte nelle osterie e sulle vie fino al balon (pallone elastico) in piazza. Uno sport, quest’ultimo, diventato parte integrante della cultura di Langhe e Roero, prima ancora di essere specchio fedele del carattere di un popolo: testardo, ma così dolce nel suo aggrapparsi alla tradizione.

TORTONA (Alessandria)  Civile abitazione 2C COSTRUZIONI S.R.L.

Città

TORTONA (Alessandria)

Immobile

Civile abitazione

2C COSTRUZIONI S.R.L.

Tortona corrisponde all’antica Dertona (nel basso impero Terdona), città dei Liguri. La fondazione si ricollega alla costruzione nel 148 a.C. della Via Postumia, fra Piacenza e Genova. Velleio dà incerta la deduzione di una colonia a Tortona tra il 123 e il 118 a.C. Nel 43 a.C. vi si accampò Decimo Bruto. Dopo Azio, fu colonia Augusta e fece parte della Regione IX. Alla fine dell’Impero fece parte della provincia Liguria. Federico Barbarossa, nell’aprile 1155 la prese e la distrusse. Riedificata dai Milanesi, fu nuovamente presa dall’imperatore nel 1162. Ma con l’affermarsi del potere dei Visconti in Lombardia, fu uno degli oggetti delle loro ambizioni; e dopo varie vicende, per dedizione, venne definitivamente in loro possesso nel 1347. Seguì le sorti del ducato di Milano, finché entrò a far parte degli stati sabaudi. Nel 1773 Vittorio Amedeo III pensò di farne una fortezza poderosa, che fu occupata dai Francesi nel 1796 e dagli Austro-Russi nel 1799, finché ritornò alla Francia nel 1801 quando Napoleone ne ordinò la distruzione. Il cristianesimo fu introdotto abbastanza presto (metà del IV sec. d.C.) a Tortona e vi ebbe vita e sviluppo fiorente, documentato da numerosi titoli dei secoli V e VI. Il primo Vescovo storicamente attestato è Innocenzo, che secondo la tradizione avrebbe ritrovato il corpo del protomartire San Marziano che la Diocesi e la Città riconoscono oggi come patrono.

ALESSANDRIA  Immobile commerciale SOAVE ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA S.R.L.

Città

ALESSANDRIA

Immobile

Immobile commerciale

SOAVE ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA S.R.L.

Dal 1992 esiste la Galleria Soave ad Alessandria, una tappa d’obbligo in città per tutti gli appasionati d’arte, sia per la ricchezza degli eventi, sia per la simpatia dei gestori, su tutti Marino, provate a parlare d'arte con lui e vi divertirete un sacco.

CESANA TORINESE (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CESANA TORINESE (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Le origini di Cesana Torinese risalgono addirittura all'Alto Medioevo. Grazie alla sua posizione ebbe sempre un importante ruolo strategico militare. La costruzione di strade ne fece un crocevia obbligato per i commerci. Parallelamente all'attività commerciale gli abitanti praticavano l'agricoltura e la pastorizia. Oggi Cesana Torinese è sempre un importante punto di transito verso altre località ma anche di salubre residenza stagionale e di turismo estivo ed invernale. Attraverso una ricognizione delle sue numerose frazioni e borgate è, infatti, possibile riscoprire i segni della storia, dell'arte, delle tradizioni e di un patrimonio di culture, di antichi e nobili mestieri. Cesana Torinese è, inoltre, il punto di partenza per effettuare diverse escursioni al fine godere delle bellezze naturalistiche della montagna nonché la sede adatta per praticare molti sport invernali. Il centro storico di Cesana Torinese è costituito da un primo nucleo sorto intorno alla chiesa parrocchiale e da un secondo che si snoda lungo la via pedonale su cui si affacciano palazzi ottocenteschi e negozi.

NOVARA  Civile abitazione VILLA

Città

NOVARA

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Città attenta alla cultura, Novara ha visto negli ultimi decenni il restauro di edifici di grande valore storico e l'apertura di un nuovo spazio dedicato all'arte moderna. Presso il Teatro Coccia ogni anno si svolge una ricca stagione di lirica, prosa, balletto e cabaret, mentre nel periodo estivo la città si anima di eventi all'aperto. Dolci tipici come i biscottini di Novara o il pane di San Gaudenzio si inseriscono nel quadro di una gastronomia ricca di sapori tradizionali. Le vie del centro storico di Novara, ricche di negozi e caffè, conservano ancora l'impianto romano e l'antico stile di pavimentazione in porfido. È proprio una di queste pietre, di forma triangolare, a segnare per tradizione il punto centrale della città, in piazza Giacomo Matteotti (da tutti conosciuta come piazza delle Erbe). Da questo piccolo slargo si arriva facilmente alle vie del passeggio cittadino e ai principali edifici di interesse storico e artistico.

ARONA (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

ARONA (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

È un ricco e bel comune situato ai piedi del monte a tavola Roque del Conde, a circa 650 metri d'altitudine. Arona è anche la sede amministrativa di Los Cristianos e Playa de las Americas; per questo il suo nome è spesso indicato sui cartelli che si incontrano nelle località turistiche. La piazza antistante la chiesa di Arona è molto bella ed è il punto di ritrovo principale della località. La chiesa San Antonio Abad merita di essere visitata anche da chi non è credente: al suo interno, infatti, sono ospitati interessanti tesori artistici, quali la croce di San Antonio. Un'altra particolarità di Arona è l'albero Almácigo de Arona, un monumento naturale che si evidenzia per le sue straordinarie dimensioni e la sua grande bellezza. Arona non è una tipica città turistica, quanto piuttosto un caratteristico paese canario, e per questo è particolarmente apprezzata dai villeggianti che non vogliono risiedere direttamente a Los Cristianos o a Las Americas, ma che preferiscono avere la possibilità di raggiungere rapidamente in auto queste località. La costa e le sue numerose spiagge distano circa 15 km.

CUREGGIO (Novara)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

CUREGGIO (Novara)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Comune collinare, di origine antica, probabilmente romana, che accanto alle tradizionali attività agricole ha sviluppato il tessuto turistico. I cureggesi, che presentano un indice di vecchiaia superiore alla media, vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale, contiguo al comune di Borgomanero; la restante parte si distribuisce nelle località di Cascine Enea e Marzalesco, oltre che in aggregati urbani minori e case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico vario, con differenze di altitudine appena accennate, che partono da un minimo di 278 e arrivano a un massimo di 356 metri sul livello del mare. Esso, per la sua conformazione geologica, occupa la piana e la spalla destra della fossa subcusiana; la periferia è dominata da prati, boschi, vigneti e campi coltivati. L’abitato, interessato da una fase di espansione edilizia, sorge nella pianura alluvionale del torrente. Sullo sfondo rosso dello stemma comunale, concesso con Regio Decreto, si rappresenta un cavallo inalberato, allegro, d’argento, accompagnato, in capo, da un’aquila nera in volo spiegato.

ISOLA PESCATORI – Stresa (Verbano-Cusio-Ossola)  Chiese e luoghi di culto CHIESA DI SAN VITTORE

Città

ISOLA PESCATORI – Stresa (Verbano-Cusio-Ossola)

Immobile

Chiese e luoghi di culto

CHIESA DI SAN VITTORE

Sull’Isola dei Pescatori, nel Lago Maggiore, si trova la Chiesa di San Vittore. L’isola, detta anche Isola Superiore, fa parte del gruppo delle cosiddette Isole Borromee e, di queste, è l’unica ad essere ancora abitata. È raggiungibile partendo, ad esempio, dalla vicina Stresa, da cui dista circa quattrocento metri. La Chiesa di San Vittore è un edificio religioso il cui nucleo originario è molto antico e fatto risalire, secondo alcune fonti, fino al secolo XI. In origine era una semplice cappella, ampliata in tempi successivi, in particolare durante il Rinascimento. A partire dalla metà del XVII secolo è dedicata a San Vittore. Questa chiesa comprende ancora i resti di un’abside di epoca romanica ed è caratterizzata dalla sagoma semplice del campanile. All’interno sono presenti diversi affreschi del secolo XVII e i busti di San Carlo Borromeo, Sant’Ambrogio, San Gaudenzio e San Francesco di Sales.

BALDISSERO D’ALBA (Cuneo)  Chiese e luoghi di culto CHIESA DI SANTA CATERINA

Città

BALDISSERO D’ALBA (Cuneo)

Immobile

Chiese e luoghi di culto

CHIESA DI SANTA CATERINA

Parrocchiale, posta al centro del vecchio abitato. Sorta come oratorio della villa, in sostituzione della decentrata chiesa di S. Antonino, si presenta nella ricostruzione del 1712 ad opera del capomastro Domenico Pianca, mentre nel 1771 viene sopraelevato il campanile. Nel 1854 viene costruita l'attuale facciata, avanzando di circa tre metri sull'antistante piazza per ricavare all'interno la tribuna per l'organo.

MONTALDO ROERO (Cuneo)  Chiese e luoghi di culto CHIESA DI SAN ROCCO

Città

MONTALDO ROERO (Cuneo)

Immobile

Chiese e luoghi di culto

CHIESA DI SAN ROCCO

Chiesa di dimensioni ridotte, addossata a un'abitazione, ha pianta rettangolare priva di abside, ma con una nicchia profonda aperta sulla parete di fondo che ospita l'alatere maggiore. L'aula è coperta da tre campate di volte a vela, ricadenti su lesene addossate alle pareti laterali, mentre la nicchia presbiteriale è sormontata da una volta a botte, a pieno centro in corrispondenza dell'innesto nello spazio principale e a sesto acuto sul fondo. È dotata di sacrestia, addossata alle strutture murarie del fianco sinistro, e di un piccolo camapanile sull'altro lato, all'altezza del presbiterio. La facciata ha la curiosa particolarità di essere sostanzialmente quadrata, in quanto l'altezza sino alla trabeazione e la larghezza sono uguali.

MONTALDO ROERO (Cuneo)  Chiese e luoghi di culto SALONE POLIFUNZIONALE SAN BERNARDINO

Città

MONTALDO ROERO (Cuneo)

Immobile

Chiese e luoghi di culto

SALONE POLIFUNZIONALE SAN BERNARDINO

Di proprietà della “Compagnia dei Flagellanti di San Bernardino” esisteva già nel sec. XVI ed in essa si riuniva talvolta il Consiglio Comunale. Conserva importanti dipinti ed un artistico portale, e la targa in cotto datata 1781 che ricorda l’antico posto di pedaggio per l’ingresso in paese verso i fini inferiori. Fu utilizzata altresì come parrocchiale durante i lavori di costruzione della Chiesa di San Nicolao. Conserva un artistico portale. Attualmente la chiesa è sconsacrata e funge da salone parrocchiale per mostre e convegni.

NIZZA MONFERRATO (Asti)  Civile abitazione VILLA

Città

NIZZA MONFERRATO (Asti)

Immobile

Civile abitazione

VILLA

Posta tra le città di Alba, Asti e Alessandria, è un importante centro agricolo e commerciale che si trova nel cuore del Monferrato, uno dei luoghi italiani di produzione vinicola più noti al mondo, soprattutto per quel che riguarda i vini rossi e gli spumanti. Dopo il capoluogo, insieme a Canelli è il centro più importante della provincia e della Valle Belbo. È Patrimonio dell'umanità UNESCO per i suoi beni paesaggistici e per il vino Barbera. Il Museo delle contadinerie e delle stampe sul vino Bersano fu fondato dall'avvocato Arturo Bersano, fondatore anche dell'omonima azienda vinicola, che diede vita a uno dei più apprezzati musei della civiltà enoico-contadina, a cui fa seguito una rara raccolta di stampe ed etichette degli ultimi 4 secoli. L'agricoltura del centro raggiunge punte di assoluta eccellenza quali la produzione vitivinicola, grandi uve DOC e DOCG come il Barbera, Dolcetto, Moscato, Brachetto, Cortese, Freisa, Grignolino e altre, gli ortaggi con il Cardo Gobbo, la frutta con la Mela di San Marzano, i foraggi con l'allevamento di bestiame di razza piemontese e i cereali. I produttori agricoli nicesi si avvalgono spesso delle migliori tecniche di coltivazione, ottimizzando al massimo il lavoro in campo e in cantina, permettendo l'utilizzo di sistemi fitosanitari compatibili con la natura in vigneto, con conseguente minore impatto ambientale e salubrità del prodotto. Il vitigno di punta di queste colline è il Barbera.

LUSERNA SAN GIOVANNI (Torino)  Civile abitazione ABITAZIONE PRIVATA

Città

LUSERNA SAN GIOVANNI (Torino)

Immobile

Civile abitazione

ABITAZIONE PRIVATA

Centro collinare, classificato “comune sparso” con sede in Airali. Di origine medievale, ha un’economia basata sulle attività agricole e industriali. I lusernesi, con un indice di vecchiaia particolarmente elevato, vivono per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce nelle località Baussan e Luserna e in numerose case sparse. Il territorio presenta un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche molto accentuate: si raggiungono i 1.369 metri di quota. L’abitato di Luserna è dominato dalla vetta del monte Frioland e sorge su uno sperone morenico, mentre quello di San Giovanni è adagiato sulle pendici all’imbocco della valle di Angrogna; quello di Airali, invece, ha ampie piazze, giardini ed edifici a porticato. Lo stemma comunale, concesso con Decreto del Capo del Governo, raffigura, in campo azzurro, una lucerna d’oro, accompagnata, in capo, da sette stelle. Nello stemma attualmente usato dal comune, riprodotto in alto, compare il motto: LUX IN TENEBRIS LUCET.

Assistente Online

Dubbi?
Domande?


Ti chiamiamo noi gratuitamente e senza alcun obbligo

Chiamami


Se lo preferisci puoi chattare con una operatrice.

Chattiamo

Partita I.V.A. 04966390827 | Tutti i diritti riservati SKM Italia S.r.l.
Certificati TÜV italia
Seguici sui social