ARCH. GAETANO CORSELLI D’ONDES
MEDITERRANEA ENGINEERING PALERMO - ROMA

Ho avuto occasione di sperimentare la tecnologia “SKM” molti anni addietro agli albori del nuovo secolo quando, con l’arch. Domenico Giuffrè, avevamo affrontato il restauro del Santuario di Custonaci, dove uno dei problemi principali riguardava la bonifica dell’umidità di risalita dal piano di sedime. All’epoca venivano proposti, dalla letteratura in merito, interventi che avrebbero inciso in modo traumatico sulle strutture del manufatto quali la realizzazione di drenaggi perimetrali alle strutture murarie, sbarramento con resine epossidiche da realizzare lungo tutte le murature, etc. Interventi economicamente onerosi e oltretutto non reversibili. Dopo quel primo intervento, avendo sperimentato il buon funzionamento delle apparecchiature installate, nell’arco di più di un decennio mi sono rivolto alla “SKM” avendo sempre un riscontro positivo dell’intervento e soprattutto un supporto di alta professionalità da parte dei loro tecnici. Dopo quella prima sperimentazione ho avuto modo di applicare la tecnologia “SKM” anche per la Chiesa Madre di Sant’Agata li Battiati (CT), la Chiesa di Lipari (ME), la Chiesa Madre di Corleone (PA) sempre con buoni risultati. In questi giorni le apparecchiature “SKM” saranno installate presso la chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio detta la Martorana a Palermo, che presto sarà dichiarata, dall’UNESCO, patrimonio mondiale dell’Umanità.


Gaetano Corselli d’Ondes
MONS. BIAGIO PIZZI
ARCIPRETE DELLA BASILICA DI SANT’AMBROGIO - MILANO

Con l’installazione, avvenuta nel mese di Giugno 2003, delle apparecchiature KalibraDRY, nel difficilissimo luogo quale è la Cripta del Sacello di San Vittore in Ciel d’Oro e nella Chiesa sussidiaria di Sant’Agostino si sono riscontrati ottimi risultati.

L’umidità esistente nei due ambienti è praticamente scomparsa. Per questo abbiamo chiesto ed ottenuto, dalla S.K.M. s.r.l., la installazione della nuova apparecchiatura KontrolDRY anche nella Chiesa di San Bernardino alle Monache di Via Lanzone, 13 sempre a Milano. Unitamente alla apparecchiatura KontrolDRY verrà fornito il monitoraggio termografico.

Sentitamente si ringrazia per il supporto tecnico prestato.


Mons. Biagio Pizzi
ING. GIOVANNI RENDA
TITOLARE "STUDIO PROGETTO NATURA"
E PRESIDENTE ASS. "BORGHI DA RI...VIVERE" - DIRIGENTE UFFICIO TECNICO ASICAT IN LAMEZIA TERME (CZ)

Come consulente in materia, ho personalmente provveduto a far installare in vari interventi di riqualificazione edilizia, il sistema di deumidificazione delle murature chiamato KontrolDRY della ditta SKM SRL.

Ho pertanto rilevato il corretto funzionamento della suddetta apparecchiatura tecnologicamente evoluta, verificando con le prove e misure strumentale successive l'effettivo abbattimento della percentuale di umidità da risalita capillare, con soddisfazione dei miei clienti.


Ing. Giovanni Renda
ING. RODOLFO SOLAROLI
CONSULENZE AMBIENTALI E INDUSTRIALI – PROGETTAZIONE DI SISTEMI EDILIZI A BASSO CONSUMO ENERGETICO

Ho avuto occasione di sperimentare personalmente la tecnologia “KontrolDRY” nell’edificio dove svolgo l’attività professionale a Novi Ligure, dove i locali del seminterrato e la parte inferiore del piano terra erano aggrediti dall’umidità di risalita.

Dopo aver effettivamente constatato l’efficacia dell’apparecchiatura, ho potuto consigliarla ai miei clienti, in analoghe situazioni, come soluzione risolutiva all’ammaloramento delle murature.


Ing. Rodolfo Solaroli
ARCH. GIUSEPPE TONISSI
DOCENTE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE PRESSO LICEI - LIBERO PROFESSIONISTA

Ho avuto modo di installare in un recente intervento di riqualificazione di un manufatto originariamente adibito a magazzino, posto al piano terra, il sistema di deumidificazione delle murature chiamato KontrolDRY della ditta SKM SRL.

A tutt’oggi l’intervento ha dimostrato tutta la sua efficacia, giacchè non si evidenziano fenomeni di umidità da risalita capillare.

I titolari del sopracitato immobile destinato ad attività ricettiva denominata B&B “La Petrosa” in Castrovillari, hanno confermato la bontà dell’intervento proposto e realizzato.


Arch. Giuseppe Tonissi
ARCH. ROMANO ZURETTI
ARCHITETTO

Per ben due volte ho avuto modo di sperimentare la tecnologia “KontrolDRY” La prima volta quattro anni fa nel seminterrato di un condominio costruito ad appena 1 metro al di sopra del livello di falda Dopo un anno circa abbiamo effettuato i monitoraggi per verificare la percentuale di umidità e sono rimasto soddisfatto per il sensibile calo dell’umidità all’interno delle murature.
Dopo tre anni l’umidità è rientrata nei valori normali e lo stato delle murature risulta molto buono tanto da non avere più alcuno sfarinamento degli intonaci.

All’inizio di quest’anno ho fatto installare un dispositivo “KontrolDRY” all’interno di una cantina in sasso di porfido posta a 6 metri sotto il livello stradale e già ora le tracce di umidità sono scomparse e l’aria all’interno della stessa non odora più di muffa.


Arch. Romano Zuretti
Partita I.V.A. 04966390827 Credits: Interactive and Design
//